All'attacco...CIALTRONI!


Se, come me, siete appassionati del cinema di quel grande regista che rispondeva al nome di Stanley Kubrick, non potrete non ricordare quella frase che il protagonista del famoso film “Arancia Meccanica” usava dire quando, con i suoi accoliti, dava il là alle loro feroci scorribande: “All’attacco Boys!”

Quel film epocale per il racconto lucido e privo d’ipocrisie di quella violenza spicciola e terribile, ancorché inutile e gratuita, di un gruppo di giovani “perbene” metteva a nudo l’incapacità della società di essere in grado semplicemente di vedere ciò che non voleva vedere e negare che la violenza esiste e va combattuta!

Non voglio stare qui ad incensare il genio cinematografico e la lungimiranza di pensiero di quel “folle” regista statunitense di nascita e naturalizzato inglese, di certo gli amanti del vero cinema sanno di che razza di monumento stia parlando…il fatto è che quella frase di esortazione mi pare azzeccata per usare la mia di invocazione…all’attacco dunque…o miei Cialtroni!

In fondo la storia non cambia...gli occhi non li usiamo per vedere...ma solo per ciò che ci fa comodo!

Sì…questa non è, in fondo, che una banale ma, paradossalmente, significativa provocazione alla attuale società italica permeata nelle sue fondamenta da una mancanza di civismo che mi appare, oramai, definitivamente disarmante.

Il senso civico che ognuno di noi dovrebbe avere è costituito da una serie di regole etiche di comportamento verso gli altri che, esagero, dovrebbe essere innato, quasi naturale, se vogliamo considerare l'umanità come veramente tale!

Questo perché occorre la testa di uno stolto per odiare aprioristicamente o per farlo, per così dire, per indottrinamento di qualche politicante o peggio per induzione!

Certamente, quando la scuola era vera scuola, vi era l’aiuto dell’insegnamento per fare capire cosa fosse “L’EDUCAZIONE CIVICA” del cittadino di domani e dove non arrivavano i genitori, arrivavano, appunto, gli insegnanti…dove è finito tutto questo?

In un clamoroso gioco al massacro, già un popolo intriso di grandi differenze sociali e di possibili mancate opportunità (vedasi l'irrisolta questione del Sud Italia) e mai veramente unito, ha addirittura imboccato, in senso contrario, la strada che va contro al bene comune, alla condivisione, alla cooperazione, all’aiuto reciproco, al vantaggio di fare squadra.

Si è preferito formare una società falsamente liberale perché si sono cavalcati ideali anglosassoni che mal si adattano al nostro stile di gente mediterranea.

Così, anziché eliminare con la cultura ad appannaggio di tutti quel letale fenomeno denominato familismo amorale, lo abbiamo addirittura rinfocolato attraverso lo spargimento di quel seme malefico anche nelle industriose terre del Nord.

Facendo del “Nordista” uno speculare epigone del tipico individualismo di stampo all’Americana e di DNA anglosassone…cioè dei paesi più guerrafondai, ipocriti e prevaricatori esistenti su questo pianeta…altro che terre di libertà ed opportunità…sì solo per loro!

Hanno vinto i disgregatori, quelli che volontariamente ritengono che una società debba “necessariamente” essere settaria e che (solo sulla carta) esalti i meriti ed i migliori, peccato che cotanto elevato pensiero non valga per noi “astuti” mediterranei inclini all’inganno ed al malaffare!

Ecco che le regole dettate dal civismo avrebbero dovuto essere un deterrente per non imboccare una via che per la nostra indole latina è meramente errata!

Invece…invece abbiamo avuto un Presidente del Consiglio che addirittura le regole se le faceva lui…le leggi ad personam sono lì a testimoniarlo e…al massimo del suo potere mediatico…questa politica di spettacolo fatta per degli emeriti idioti che lo hanno votato (eh già miei cari concittadini ignari ed individualisti) ha avuto il massimo apice nel nulla…perché quando si arriva a giustificare l’evasione delle tasse (ipse dixit il maramaldo di ARCORE) significa annullare il senso civico e sdoganare la furbizia (di chi può ovviamente)!

Passati da anni nella quale la politica spettacolo l’ha fatta da padrone con protagonista quel famelico personaggio di cui sopra…si arrivò al 2011, quando quasi alla bancarotta (complimenti!), grazie ad un bel governo LIBERISTA di presunto centro destra (in realtà governi aziendalisti in capo al famigerato e che del paese nulla importava veramente) ci si è prima consegnati al vampirismo di KILLER designati appositamente (vero caro Mister Monti?) dalle classi sociali che volevano assolutamente ridimensionare i diritti dei tanti perché ostacolo alla "produttività" ed alla "flessibilità" e poi, tristemente, si è arrivati alla politica social, dell'odierno scialbo panorama, espressa nei contenitori quali Facebook e Twitter.

E qui…altri mirabili imbecilli l’hanno fatta e la fanno da padrone…grazie ovviamente al beneplacito e prono consenso di masse di non vedenti, udenti e pensanti…almeno con la propria di testa.

Ma ne avessimo avuto uno buono negli ultimi trent'anni...!

Cosa è dunque quel coagulo di società italica informe e disgregata dell’oggi se non il frutto di 25 anni di nulla…nulla proveniente da ambo i lati…sia dal centrosinistra imbastarditosi dal veleno inoculato dagli ex democristiani e che ha bellamente dimenticato cosa significhi essere di sinistra, sia dal letale centrodestra…figlio del falso mito del liberismo e della meritocrazia con un solo uomo al comando dedito ai propri affari ed alle proprie meretrici!

Persino i cinque stelle sono stati fagocitati dal sistema…non riuscendo, infatti, a governare da soli ( a causa in verità di una legge elettorale fatta ad hoc l’anno prima da quella presunta volpe del Renzi), si sono fatti incancrenire da falsi alleati che ne hanno fagocitato una parte (bieca) di elettorato, almeno se parliamo di quella eternamente fascista risvegliatasi nell’oggi più tetro che mai di un revisionismo nostalgico delittuoso!

Siamo e restiamo eternamente ancorati al nostro essere volontariamente “diversi”…già…“amiamo” il nostro essere “liberi” (da cosa?)…che si traduce nell’essere individualisti e quindi egoisti, perché la verità è che del nostro vicino nulla ci importa…figuriamoci del migrante nero, sporco e rozzo che viene a toglierci risorse, pane e lavoro!

Non raccogliamo le cartacce lasciate da qualche imbelle per strada…ci penserà…forse il nostro COMUNE…non puliamo i marciapiedi delle nostre case…ci penserà forse lo spazzino, non ci piace la raccolta differenziata e buttiamo i sacchi di immondizia nei fossi degli altri paesi, i mozziconi li buttiamo ovunque capita, gli oli esausti in mezzo alla terra, la plastica in mare, le bottiglie di vetro sulle cime delle montagne…i parcheggi selvaggi, le false pensioni d’invalidità, le raccomandazioni in nome del voto di scambio, le nostre mancate denunce al malaffare, l’omertà conclamata e questa sì condivisa…che cosa ci importa?

Siamo “liberi”…e bianchi…e dobbiamo pensare a “difendere” le nostre famiglie dagli invasori…quei negracci…gli sporchi gialli cinesi…dobbiamo erigere i nostri fortini…”odiare” quei fottuti dei buonisti che pensano solo al prossimo (prossimo chi?) e quindi eccoci qua…individualisti…familisti…egoisti…razzisti…inutili!

All’attacco CIALTRONI!

Forza...dai...all'attacco...miei CIALTRONI!

#stanleykubrick #berlusconi #arcore #meretrici #individualismo #renzi #salvini #facebook #5stelle #LEGGIADPERSONAM

POST RECENTI

MADE BY SOPHIE WITH LOVE

PUBBLICAZIONI

Il Respiro dell'ignoto

Editore: Gruppo Albatros Il Filo
Collana: Nuove voci
Anno edizione: 2015
Pagine: 98 p. , Brossura
EAN: 9788856775341

 

© 2020 by Giampaolo Guzzoni             

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon