Giornalismo..........o Cafoneria?


Alzi la mano chi non ha sentito parlare almeno una volta del noto programma radiofonico "La Zanzara" in onda tutti i giorni su RADIO 24..............condotto certamente con uno stile "sui generis", per usare una forma eufemistica, dagli altrettanto noti Giuseppe Cruciani e David Parenzo. Sono convinto che sicuramente, sia per i temi trattati, sia per il linguaggio "sciolto" direi decisamente scurrile, per forza di cose, ogni ascoltare ne rimanga colpito, direi "folgorato" certamente ognuno secondo la propria sensibilità. Io non voglio discutere sulle situazioni e sugli argomenti di cui i due discettano "abilmente" in diretta radio con una contrapposizione di ragionamenti ed idee che sembrerebbe fatta ad arte per alimentare un presunto scontro di ideologie o di semplici opinioni. Molto probabilmente, ed altrettanto lapidariamente, i due personaggi sono veramente diversi, veramente contrapposti, sia pure, a detta di essi stessi, ed è possibile, amici.

Io vorrei porre l'attenzione su due aspetti di quella trasmissione che io stesso ascolto tra il divertito e lo sgomento........sono due le peculiarità che mi colpiscono principalmente: la prima è un totale "sdoganamento" della bestemmia, del turpiloquio, della contumelia, dell'offesa tout-court che forse un tempo era ad appannaggio delle Radio Libere degli anni 70- 80, in cui io stesso ho avuto la possibilità di cimentarmi, non come bestemmiatore, ma come semplice DJ. Ora questa "libertà d'espressione" arriva direttamente dalla radio di "CONFINDUSTRIA"..........BEH AMICI MIEI.........questo per chiosare un loro gergale tradizionale.

Non sono né un bacchettone, né un moralista, né talmente ottuso da capire che in alcuni momenti della nostra vita ci possa scappare l'embolo e trascendere in linguaggi "decisi" ma che questo diventi prassi di un modo di fare informazione radiofonica mi lascia alquanto perplesso e mi fa pensare ad una convinzione sopraggiunta che, oramai, nel nostro paese non si possa dialogare se non insultandosi poiché siamo tutti schierati con qualcosa, con qualcuno e l'altrui pensiero vada demonizzato e distrutto se non umiliato con le parole. Le parole hanno una forza incredibile, per questo io non le userei a sproposito.....inoltre.......ma di questo devo ringraziare la trasmissione della quale stiamo parlando....il CRUCIANI ha avuto l'indubbio merito di scoperchiare le peggiori fogne del nostro tessuto sociale mettendo a nudo l'esistenza, se mai ne dubitavamo, di concittadini che di umano non hanno nulla se non la pazzia.......e credetemi è un bel paradosso.

Antropologicamente parlando, molti di coloro che intervengono sono rappresentanti della più bieca cialtroneria e cafonaggine italica che ci rende tanto ridicoli nei confronti del mondo, quella trasmissione da luce e voce alla pancia del paese.....quella che riflette anni di buio culturale e di mancanza di lucida analisi dei fatti......il Cruciani stesso forse non si rende pienamente conto, o forse sì, che anch'esso come il buon Silvio "Primus Inter Pares" ha legittimato l'odio razziale, di casta e sociale che latente da tempo è scoppiato nel suo più completo fragore radiofonico.

Ascoltare anche una sola puntata della "Zanzara" significa capire di che razza di mostriciattoli fascisti sia il substrato sociale italiano più ignorante ed ottuso.

Se potessi parlare con Parenzo gli direi che oggi, ahimè, non è certo presente quella maggioranza silenziosa che lui auspica......anzi.

Il paese è contornato, permeato, da emeriti idioti che della grammatica, della cultura, della nostra storia e dell'equilibrio ne fanno semplicemente scempio.

"MALA TEMPORA CURRUNT"

#giuseppecrucian #radio24 #LAZANZARA #Davidparenzo #primusinterpares #silvioberlusconi

POST RECENTI

MADE BY SOPHIE WITH LOVE

PUBBLICAZIONI

Il Respiro dell'ignoto

Editore: Gruppo Albatros Il Filo
Collana: Nuove voci
Anno edizione: 2015
Pagine: 98 p. , Brossura
EAN: 9788856775341

 

© 2020 by Giampaolo Guzzoni             

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Twitter Icon